Spinning light e ultralight

Partiamo da un presupposto fondamentale: a livello di strumenti, negli ultimi anni la differenza tra spinning leggero e ultraleggero è andata in buona parte scomparendo. Questo per dire che è assolutamente possibile fare spinning light e ultralight usando la medesima canna da pesca. Di fatto, è possibile parlare di spinning leggero quando ci si addentra tra canne di potenza ridotta ed esche artificiali tipicamente comprese tra i 2 e gli 8 grammi. Si capisce già da qui che lo spinning light permette di insidiare una gamma effettivamente molto ampia di pesci, potendo mirare a parecchi predatori di taglia contenuta e non solo, dalla trota alla spigola, per arrivare fino ai piccoli pesci serra. Ed è questo il vantaggio di queste tecniche: permettono di pescare a spinning riducendo al minimo le probabilità di arrivare a casa a mani vuote e aumentando il divertimento.

Spinning leggero e ultraleggero, anche in mare: perché?

C’è chi descrive lo spinning leggero come la tecnica ideale per pescare nei corsi di piccola portata, nei rilucenti torrentelli di montagna e nelle strette rogge. È così, non ci sono dubbi. E di certo la possibilità di muoversi con attrezzatura leggera e poco ingombrante aiuta non poco a raggiungere questi spot spesso impervi. Ma non vuol dire affatto che spinning light e ultralight non possano essere praticati anche in mare. Anzi, ha sempre più senso usare questa tecnica anche sulla costa dei nostri mari, proprio perché in tante aree la pescosità è effettivamente ridotta: chi mira alla grossa preda rischia di passare giornate e giornate a bocca asciutta, allungando pericolosamente le pause, i tempi morti e le frustrazioni tra una cattura e l’altra. Ecco che invece, armandosi del – poco – necessario per pescare a spinning leggero e ultraleggero, ci si può concedere una pesca più vivace, più fortunata, anche in mare. Si parla delle scogliere basse, delle acque nei pressi delle foci, delle acque che bagnano i moli durante la risacca e la scaduta: in questi luoghi spinning light e ultralight possono dare buone soddisfazioni, lì dove sarà possibile portare a casa spigole piccole o medie, aguglie, lecce e occhiate.

Le canne da spinning leggero e ultraleggero

Come scegliere le canne da pesca adatte per queste tecniche? Si parla di canne in grado di lanciare esche artificiali leggere o leggerissime, realizzate spesso in in carbonio e fibre composite. In un mondo in cui pochi grammi fanno la differenza, e in uno scenario in cui i lanci e i recuperi non si contano, una canna leggera è quello che ci vuole.

Le esche artificiali per spinning light e ultralight

Non è difficile capire quali sono le migliori esche per lo spinning leggero e ultraleggero. Si parla di esche artificiali piccole, piccolissime e talvolta perfino minuscole, diciamo comprese tra i 3 centimetri e i 5, 6 o 7 centimetri. Non di più. Ovviamente può essere utile, per dare un po’ di profondità, armarsi anche di piombini, anch’essi ridotti, da pochi grammi. Nelle acque interne come in mare è possibile giocare con il classico cucchiaino, che può essere inteso come un passe-partout da lanciare quando le altre esche più elaborate non vogliono collaborare. Non possono poi mancare i minnow da pochi centimetri, i piccoli jig con assist hook, e via dicendo, tenendo sempre in mente che pescare a spinning leggero e ultraleggero vuol dire anche pescare in modo economico.

/ 5
Grazie per aver votato!